Ambrosoli, Andreotti e Sindona: per chi ha la memoria corta


In questa puntata di "Correva l'anno" si fa un buon riassunto degli anni in cui maturarono alcune responsabilità quantomeno politiche di Andreotti rispetto all'assassinio dell'avvocato Giorgio Ambrosoli.
Ambrosoli, servitore dello Stato e eroe borghese, pagò con la vita la sua dedizione all'onestà e alla verità senza compromessi. L'esatto opposto dei suoi avversari. Politici e non. Ad un popolo come quello italiano, troppo incline alla dimenticanza, giova ricordare e recuperare ogni tanto segmenti fondamentali della propria storia.


Tanto per essere franchi e diretti, le responsabilità di Giulio Andreotti sull'assassinio di Ambrosoli sono forti, concrete e pesanti. Ancora di più lo sono nella vicenda Sindona e su tutti quegli oscuri coni d'ombra che vi ruotano intorno.
Buona visione: sono solo 45 minuti.

11 commenti:

  1. Secondo Lei, Decollanz, gli italiani per chi tifano o tifavano per davvero?
    Per il Divo Giulio o per l'onesto Ambrosoli?

    Shakespare non ha visto in Italia molti eroi ma molti "Jago"...

    RispondiElimina
  2. Ho due risposte alla tua domanda: una dettata dal cuore, l'altra dal pragmatismo. Credo siano facilmente immaginabili.

    RispondiElimina
  3. Quali sarebbero le due risposte, quella dettata dal cuore o dalle viscere e quella dal pragmatismo? Non ho la sfera di cristallo non posso saperle.
    Se si degna di dirmelo..

    RispondiElimina
  4. Non si tratta di degnarsi, la risposta mi pare fin troppo implicita.

    PS: io continuo a metterci nome, cognome e faccia, ma con il moltiplicarsi degli "Anonimi" diventa impossibile avere un vero confronto costruttivo. Firmatevi con un nome almeno. Coraggio.

    RispondiElimina
  5. Ancora nessuno ha capito quali siano queste due risposte. Si esplichi e ci espliciti, siamo tutti orecchi...coraggio.

    RispondiElimina
  6. Mi ha meravigliato che Lei non abbia dedicato un post nella ricorrenza dell'omicidio del grande giornalista Walter Tobagi ( 28 maggio). Fa' ancora in tempo, se le aggrada. Con la figura di Tobagi si commemorano tutti quei giornalisti che hanno la schiena diritta e sono stati trucidati per le loro idee da assassini vigliacchi.

    RispondiElimina
  7. Su Tobagi credo di aver detto tutto in questa puntata di Intemporeale: http://www.rebustv.com/2010/06/intemporeale-walter-tobagi-i-misteri-e.html

    RispondiElimina
  8. Pensavo ad un post di ricordo...
    Cmq, in quella puntata, si è ricordato di dire il mestiere che fa attualmente l'assassino di Tobagi e in quale organizzazione politico-confessionale è attualmente incorporato?

    RispondiElimina
  9. Cosa ne pensa, Decollanz, dell'attacco indiscriminato di Beppe Grillo vs i giornalisti, senza alcuna distinzione? Se non sbaglio i grillini, seppur invitati da Lei a Intemporeale, non hanno voluto partecipare, nonostante le puntate di Rebus dedicate al signoraggio bancario, alle pallottole all'uranio, ai pregi e difetti del web...
    Come mai il Beppe nazionale dopo aver tessuto lodi della realtà web come mezzo che avrebbe costruito la democrazia orizzontale, ha fatto dietrofront ed è tornato a considerare la tv il centro di formazione delle opinioni dell'elettorato?
    Non si è ricreduto anche Lei rispetto ai vari twitter e facebook? Come vede, i commenti in questo blog sono praticamente nulli.
    Passività per passività, o chiacchiera per chiacchiera, tv o web sono solo due mezzi di comunicazione, uno per i quarantenni in su, l'altro per i più giovani..ma il secondo, il web, a differenza di quanto dicono i due Guru pentastellati al pesto e all'osso buco, non soppianterà la tv semmai la integra.
    Pensi che dicevano così anche del cinema quando arrivò quel catafalco col tubo catodico nelle case italiani..e il cinema e le sale, adesso multiple, ci sono ancora.

    RispondiElimina
  10. Com'è l'ambiente a Class editori, meglio di quello di Profit Group?
    Lì ci lavora pure Gregoretti, se non sbaglio e la Donghi, sua ex collega, se non sbaglio.
    Non sono intenzionati magari a proporre un ciclo di puntate di Rebus, con la sua magistrale conduzione, caro Decollanz?
    Sarebbe l'inizio per il "ritorno" sul grande schermo, no?

    RispondiElimina
  11. Nel mio ultimo intervento con domande, mi sono dimenticato di farle gli auguri di compleanno, mi scusi. L'avrei fatto molto volentieri in un successivo intervento se lei non avesse "staccato" la possibilità di postare, come spesso fa, interrompendo gli oi dialogo i"( come dicevano i greci) a due voci. Dico due perché di altri non c'è anima viva od ologramma vivo, a seconda...in questo bel blog.

    Cmq, anche se postumi, glieli faccio molto volentieri: AUGURONI!!

    P.S.: qual'è il più bel regalo che ha ricevuto, se posso chiederglielo?

    RispondiElimina

by Maurizio Decollanz. Powered by Blogger.